[FORUM] Vestirsi con virilitudine

Aperto da VE, 14 Aprile 2014, 00:05:32

Discussione precedente - Discussione successiva

VE

14 Aprile 2014, 00:05:32 Ultima modifica: 14 Aprile 2014, 00:15:45 di BrunoB
Sveglia ragazzuoli di Friiiplein!!unounoundici!!
Le donne si lamentano di essere vittime di maschilismo ma siete mai entrati in un negozio di vestiti? Circa sei ottavi sono dedicati ai vestiti delle donne e a noi maschi solo le briciole: qualcosa di casual e il completo da manager\matrimonio o al massimo sportivo.
Non solo: le donne si possono mettere anche i vestiti da uomo di ogni colore, mentre ai maschi è socialmente vietato indossare una minigonna fucsia pena la marchiatura a fuoco di omofrociaggine galoppante, hipsterismo e lezioni di virilità da parte di Andromeda.

Bsogna lottare per pari diritti nel vestirsi!

Non solo questo si ripercuote anche nei videogiochi: Azure Striker Gunvolt è l'ultimo caso in ordine cronologico di restyling per non avere personaggi omofroci che danneggiano le vendite americane e di riflesso (???)quelle europee.

Vi chiedo: scrivere "not for rednek married whit sister" sulla cover distruggere veramente le vendite di un videogioco?
Sono l'unico stufo del fatto che in Europa ci dobbiamo appecorare alle scelte fatte per un mercato di bigotti creazionisti?
Mirko riuscirebbe a creare un personaggio che suda virile testosterone per indossando un armatura rosa confetto?

Per questa settimana è tutto, ciao alla prossima.

FwordMad

[quote auto]
Vi chiedo: scrivere "not for rednek married whit sister" sulla cover distruggere veramente le vendite di un videogioco?
[/quote]

Grande idea!

Inviato dal mio GT-P1000 con Tapatalk 2


sickk

Purtroppo distrugge le vendite. Siamo una società di cliché quindi se metti un paio di tette sulla copertina allora vendi a scatafascio...se fai qualcosa senza barriere rischi di essere additato ed ostacolato e per una società di videogame anche solo mille vendite a livello globale fanno la differenza

VE

Ok Sickk, ma si può sapere perché  nonostante i region lock gli adattamenti fatti per i mongoldoni della bibble belt +devono+ andare bene anche per il mercato europeo che ha cultura e convenzioni sociali diverse? Perché la versione pal non può mai partire dall'originale nipponico?
Gyakuten Saiban in America è diventato Ace Attoreny? Fatti loro. Perché PAL dev'essere AA e non GS tradotto? Capcom non è una piccola softco: ha anche una divisione europea.

The Benso

Nessuno ti obbliga a comprare i titoli che tu giudichi da redneck  ;)
Sarò anche un mortale, ma non sarò mai comune

VE

Vero.
Ma questo porta due strade:
-mi imparo il giapponese e prendo console e giochi import
-riduco drasticamente gli acquisti di giochi in generale

VE

Però la situazione potrebbe migliorare: il successo di Bravery Default ha convinto Squeenix che un titolo pensato per un mercato non mangiapannocchie può avere successo anche nel resto del mondo.
Questo dopo diverse legnate prese. Memorabili quelle di Final Fantasy XIII e Tomb Raider: progettati con target Ohklaoma ma quasi ignorato in patria il primo e gran successo solo in Europa del secondo. Entrambi privi di vendite convincenti dove Poti poti po po pò dovevano vincere facile.


sickk

Citazione di: Fleym il 14 Aprile 2014, 14:28:14
Però la situazione potrebbe migliorare: il successo di Bravery Default ha convinto Squeenix che un titolo pensato per un mercato non mangiapannocchie può avere successo anche nel resto del mondo.
Questo dopo diverse legnate prese. Memorabili quelle di Final Fantasy XIII e Tomb Raider: progettati con target Ohklaoma ma quasi ignorato in patria il primo e gran successo solo in Europa del secondo. Entrambi privi di vendite convincenti dove Poti poti po po pò dovevano vincere facile.

Non lo so perchè non lavoro nel settore, ma credo che facciano (almeno le grandi società) dei sondaggi di gradimento in fase di sviluppo per aggiustare più o meno il tiro dell'eventuale pubblico. Inoltre ovviamente entriamo in un campo molto complesso dove manco loro possono prevedere al 100% se un titolo possa avere più o meno successo da una parte o dall'altra del globo. A volte il successo o il fallimento di un progetto non ha necessariamente cause banali da dedurre: è pieno di titoli osannati dalla critica ma che non hanno venduto nulla.
E' per questo motivo che purtroppo quando si tratta di soldi, tanti soldi, si cerca di rischiare poco e avere il pubblico più vasto possibile. E se per ottenere questo obiettivo bisogna limare anche a livello "testosteronico", beh lo fanno.

The Benso

Così ad occhio ti direi che Bravely Default ha venduto un decimo di Tomb Raider, un ventesimo di FF13.

Il resto sono solo chiacchiere.
Sarò anche un mortale, ma non sarò mai comune

sickk

Citazione di: The Benso il 14 Aprile 2014, 17:34:03
Così ad occhio ti direi che Bravely Default ha venduto un decimo di Tomb Raider, un ventesimo di FF13.

Il resto sono solo chiacchiere.

ma a noi ci piace chiaccherarci addosso

The Benso

e ma chiacchieratevi bene, che qui si sta scadendo in quello che il buon Davide definirebbe "elitarismo del giocatore (che si crede) imparato".

I videogiochi devono fare prima di tutto i soldi, poi viene tutto il resto (forse), tipo accontentare noi stolti che scriviamo sui forum e che comunque compriamo e giochiamo qualsiasi cosa.
Sarò anche un mortale, ma non sarò mai comune

sickk

Citazione di: The Benso il 14 Aprile 2014, 17:53:58
e ma chiacchieratevi bene, che qui si sta scadendo in quello che il buon Davide definirebbe "elitarismo del giocatore (che si crede) imparato".

I videogiochi devono fare prima di tutto i soldi, poi viene tutto il resto (forse), tipo accontentare noi stolti che scriviamo sui forum e che comunque compriamo e giochiamo qualsiasi cosa.

ma infatti mi trovi d'accordo sul fattore "soldi". Anche perchè in genere nessuna azienda cerca di scontentare il proprio pubblico o meglio, cerca di scontentare la maggior parte del pubblico. Consideriamo soprattutto che la maggior parte dei giocatori è fatto da persone che si approcciano in modo "easy" al videogioco e quindi è rassicurato da avere più o meno sempre gli stessi punti di riferimento.

Accontentare tutti è impossibile.

blallo

Ho provato un kilt. È la cosa più comoda che esista.

sickk


Citazione di: Blallo il 14 Aprile 2014, 21:35:46
Ho provato un kilt. È la cosa più comoda che esista.

Ti eri almeno depilato le gambe?