Autore Topic: sempre meno giochi  (Letto 4088 volte)

Offline styx

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 63
    • Mostra profilo
sempre meno giochi
« il: Maggio 09, 2015, 12:49:30 am »
E' una mia impressione o escono sempre meno giochi mainstream? Una volta ad esempio la xenia edizioni con le uscite mensili di giochi ci scriveva tre riviste (consolemania tgm e zzap) oggi è tutto hype e ben poca sostanza: a parte gli indie che sono categoria a se usciranno manco due giochi da 50- 60 euro al mese in media. I multipiattaforma sono rirecensiti svariate volte e il più è smemamento su FPS rumor e qualche foto sfuocata uscita (caso molto recente è witcher 3 che sarà di sicuro un bel gioco ma che ha veramente rotto le balle a suon di marketing come avete anche detto voi). E' triste vedere un'industria ridotta così. Non vorrei dire una stupidaggine, ma ormai escono più remakes che nuovi giochi e il bello è che a parte rari casi si limitano a mettere texture più belle e qualche effetto nuovo.
Forse i publisher dovrebbero spendere meno per i singoli giochi e diversificare di più.


L'ultimo gioco che ho provato e finito è stato DA inquisition e per me c'è veramente troppa roba visto che dopo 80 ore ho ancora mezze quest secondarie da fare e mi sono anche rotto le scatole (come penso tutti). La storia principale è ben fatta, ma nulla di particolare mentre le secondarie sono mero riempimento anche peggio di quelle di skyrim, il gameplay alla lunga è noioso e ci si riduce a farmare armi fighissime che però è difficilissimo ottenere non essendoci cheats ben fatti come su skyrim. Dall'altro lato noto l'assoluto valore di produzione del gioco con grafica paurosa animazioni fluide in game e cutscenes perfette quasi da film cg di qualche anno fa, con anche le personaggie gnocche e desiderabili a livello sessuale (mi ricordo che durante un gameplay Pierpaolo Greco di multiplayer.it diceva che avrebbe voluto tanto che Josephine fosse esistita realmente, io però preferisco Cassandra con tutte le cicatrici delle battaglie sul suo corpo tonico e allenato). Un po' più darkness, violenza e sesso softcore avrebbero trasformato il gioco in un smash hit epocale, invece bioware ed ea hanno preferito andare sul sicuro e tirare fuori un titolo sicuramente ben fatto, ma insipido.
 Adesso penso che proverò GTA V e vedremo se la lap dance sarà di qualità superiore a quella di GTA IV. E poi arriverà il turno di Witcher 3 in cui mi aspetto di trovare tutto quello che non ho trovato in dragon age, anche se di solito non mi piace fare il ninja nei giochi fantasy, ma preferisco l'ascia a due mani.

Sarebbe bello si puntasse sull'innovazione e sul softcore, nei videogames.
 
« Ultima modifica: Maggio 09, 2015, 10:02:32 am da styx »